In morte di Mario Cirlà

Written by Segreteria. Posted in homepage

La morte di Mario Cirlà, avvenuta il 26 marzo, ci ha privati di un amico. Amico della nostra Società della quale è stato tra i soci fondatori; amico del carattere intellettuale della nostra idea di una possibilità che la psicoanalisi non sia rinchiusa solo negli studi professionali, ma, come si era augurato Freud, diventi un vertice osservativo che aiuta a interpretare meglio la realtà che ci circonda; amico che era sempre disposto a percorrere vie impervie sfruttando la sua grande cultura ed applicandola ad una comprensione trasversale della realtà clinica, culturale e sociale; amico personale infine di chi scrive, da quarant’ anni.

Gli interessi di Mario Cirlà, psicoanalista, spaziavano dalla filosofia (disciplina nella quale era laureato), alla musica ( era diplomato in conservatorio, aveva tenuto seminari importanti su rapporto tra musica e psicoanalisi).

Avevamo talvolta anche bisticciato con Mario, ma, nei momenti duri, era l’amico su cui fare sempre conto, il rifugio sicuro nel quale la comprensione e la generosità umana erano infinite.

Ha voluto che le sue ceneri fossero nel vento delle montagne amate: il profumo dell’aria e della vita riempie il petto e dona forza. “Dobbiamo morire in piedi” aveva detto un giorno mentre discorrevamo delle molte difficoltà che avevamo di fronte. Mario è morto in piedi.

 

Lettere su Parigi

Written by Segreteria. Posted in homepage

Pubblichiamo in questa pagina uno scambio di email girate tra i membri e gli amici della Società di Psicoanalisi critica, in particolare, tra l’11 e il 12 Gennaio 2015, ossia, poco dopo l’attacco terroristico a Parigi dell’11 Gennaio 2015.

Lo spunto di questo dibattito nasce da una prima email spedita a caldo da Gianni Trimarchi ad Adriano Voltolin. Le riflessioni di Voltolin, a loro volta, hanno stimolato gli interventi di Scipione Guarracino e Sergio Marsicano. Seguono, a qualche giorno di distanza dall’evento, il 22 gennaio 2015, le riflessioni di Franco Romanò.

Padri, padri scomparsi, padri comparse

Written by Segreteria. Posted in Archivio seminari, homepage

anfiteatro

25 Ottobre 2014 – ore 9.30-13.00

Libreria Franco Angeli Bookshop

Piazzetta ribassata davanti al Teatro degli Arcimboldi

(MM5 – Bicocca; Bus 87; tram 7 – fermata Arcimboldi)

Ingresso gratuito

Relatore                   Adriano Voltolin

conduce                   Franco Romanò

 

E’ oramai sapere diffuso che la figura del padre sia, nella società odierna, profondamente diversa da quella che era stata nell’epoca borghese. Non si contrassegna più, infatti, per valori e fondamenti che erano in sintonia con una società caratterizzata da una fase capitalistica espansiva, nella quale ciascuno era più o meno destinato a ricavarsi un posto nel sociale, coerente con la propria provenienza economica e di status. Ma che cosa caratterizza il padre in psicoanalisi e quanto si trova, nella clinica contemporanea, che muti il profilo che, del padre, ci si era potuti fare? Forse la clinica attuale ci aiuta a riflettere su quanto anche nella psicoanalisi sia penetrato di ciò che, nella società e nell’ideologia, era il padre dell’Ottocento e della prima metà del Novecento.

Bambini stranieri

Written by Segreteria. Posted in Archivio seminari, homepage

anfiteatro

24 maggio 2014 – ore 9.30-13.00

Associazione Culturale Punto Rosso
Via Gugliemo Pepe, 14
Milano
Ingresso gratuito

Casi in consultazione psicoanalitica

Discutono il caso:

Andrea Papp (psicologa) – Concetta Russo (antropologa) – Claudio Widmann (psicoanalista)

Il tema che verrà affrontato nei seminari della Società di Psicoanalisi Critica per l’anno 2014 sarà quello del lavoro clinico con bambini nati o vissuti in Italia, figli di una coppia di stranieri, all’interno della quale padre e madre possono anche provenire da paesi diversi e,quindi, con lingue e culture differenti.

sito realizzato da